Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner premendo il tasto "ACCETTA" acconsenti all'uso dei cookie.

Lunedì, 30 Novembre -0001 00:00

Pausa estiva

L'Associazione di psicoterapia InVerso sospende le proprie attività da lunedì 31 luglio a domenica 3 settembre.

In questo periodo i professionisti di InVerso non sono contattabili personalmente ma, come di prassi, rimangono attive mail e segreteria telefonica.

Buone Vacanze a tutti!

Consulenza, sostegno psicologico e psicoterapia a domicilio:

caratteristiche di un intervento innovativo.

 

 

Ultimamente l’idea di erogare servizi domiciliari non esclusivamente assistenziali sta diventando qualcosa di pensabile anche per gli psicologi, per lo più restii a svolgere i propri interventi - specie se finalizzati al cambiamento, come nel caso della psicoterapia - in situazioni che escano dal setting classico, su cui tanto si è detto e scritto a partire da Freud in poi.

Eppure, come ben sappiamo, non tutte le persone si trovano nelle condizioni di rivolgersi a un professionista e raggiungerlo presso il suo studio privato. In alcuni casi l’impedimento è “oggettivo” (problemi fisici), in altri “soggettivo” (blocchi psichici che rendono particolarmente difficile il contatto con l’esterno), ma il risultato non cambia: lo psicologo/psicoterapeuta diventa “irraggiungibile”. In questo senso, l’intervento domiciliare è una possibile risorsa, di cui però vanno valutate di volta in volta potenzialità terapeutiche e rischi collusivi. In altre parole la richiesta di un servizio di questo tipo pone il professionista di fronte alla necessità di esplorarne il “senso”: il noto strumento dell’analisi della domanda diventa qui imprescindibile.

Rimandando ad altri contesti per una riflessione approfondita e specialistica su confini, limiti e risorse della psicoterapia a domicilio, vorremmo fornire in questa occasione una cornice del servizio domiciliare erogato dalla équipe di InVerso: potrà rispondere alla curiosità di qualche lettore, ma anche orientare chi stia pensando di richiedere un intervento di questo tipo.

 

Chi e Quando

La difficoltà a uscire di casa può essere legata a motivi fisici o psichici. In particolare, può riguardare:

- Malati oncologici o con traumi ortopedici (per esempio post-incidente), costretti a casa per lunghi periodi, che chiedono che il professionista li raggiunga proprio dove è necessaria una riorganizzazione - non solo pratica, ma in primo luogo emotiva - delle proprie giornate; un supporto potrebbe essere molto utile anche per i familiari che si confrontano con il carico psico-fisico prodotto dalla malattia del proprio caro;

 

- Chi ha vissuto un lutto recente e si trova schiacciato da sentimenti depressivi che possono togliere la forza di dirigersi all'esterno in cerca di un aiuto. In questi casi, lavorare direttamente dove l'assenza è una dolorosa presenza può essere più efficace per il faticoso processo di “elaborazione del lutto” e per restituire un posto a quelle parti di sé lasciate da chi se ne è andato;

 

- Donne incinte nell'ultimo periodo della gestazione, alle prese con una gravidanza complicata, o donne nella delicata fase post-partum, che potrebbero avvertire un forte senso di fatica a lasciare il proprio "nido". Proponiamo in questi casi un sostegno alla maternità in loco e un lavoro sui sentimenti depressivi e ambivalenti che spesso accompagnano questa nuova fase del ciclo vitale;

 

- Minori con problematiche legate all'età evolutiva (es.: fobie scolastiche, modalità relazionali disfunzionali etc.) e reticenti ad andare a studio. Far entrare lo psicologo in casa può essere una buona soluzione, in quanto consente al minore di sentirsi più a proprio agio nel proprio ambiente e, contemporaneamente, permette al professionista di osservare e intervenire direttamente lì dove si manifesta il disagio.

 

- Pazienti con disturbi psichici importanti, che comportino cioè una severa restrizione dell’autonomia personale rendono impensabile o molto difficoltoso il contatto con l’esterno (es.: attacchi di panico e disturbi ossessivi invalidanti, ritiro autistico, psicosi).

 

Come

Il primo contatto è generalmente di tipo telefonico. In questa fase professionista e utente hanno la possibilità di “annusarsi a distanza”: solitamente la persona che chiama fa una serie di domande (per lo più relative agli aspetti pratico-organizzativi del servizio) ed espone il motivo della richiesta, mentre lo psicologo, attraverso una schede d’accoglienza, prende le informazioni necessarie a orientarsi.

Il passo successivo è la convocazione, per un primo colloquio a studio, della/e persona/e coinvolte nel problema portato. Anche qualora l’intervento richiesto sia già esplicitamente di tipo domiciliare riteniamo preferibile procedere ad una adeguata analisi della domanda vis-a-vis “a casa nostra”, dove possiamo muoverci al meglio e presentarci.  Questo passaggio è importante per “preparare” l’ingresso a casa, specie quando – e capita spesso - chi fa la richiesta è un familiare che, non sapendo come “convincere” il proprio caro ad andare dallo psicologo, si rivolge a noi con la speranza di un “miracoloso” intervento dell’esperto direttamente a casa. La speranza va trasformata in impegno e il miracolo in un progetto, co-costruito con lo psicologo. Questo passaggio può svolgersi in un’unica seduta (come solitamente accade quando, per esempio, l’utente è già motivato e fa la richiesta personalmente) o richiedere un tempo maggiore.

Il momento del primo incontro a domicilio è molto delicato e denso di emozioni: generalmente ci rechiamo in due, sia per “presentarci” come associazione, sia per poter meglio valutare la complessità del sistema in cui ci troviamo immersi (secondo il noto aforisma “quattro occhi vedono meglio di due!”). A fase valutativa terminata, se si decide di intraprendere un percorso – sia esso di sostegno psicologico o di psicoterapia – questo prosegue per lo più con un unico professionista.

Il setting delle sedute ha chiaramente delle differenze rispetto a quello classico: è importante che la stanza scelta non cambi tra un incontro e l’altro e che, durante la seduta, lo spazio venga tutelato il più possibile nei confini e nella privacy (concordiamo per esempio di spegnere i cellulari, non rispondere al citofono o delegare qualcun altro se presente in casa, etc.). Ovviamente queste accortezze non possono e non devono “tenere tutto sotto controllo”, bensì dare una cornice all’intervento. Flessibilità e creatività sono competenze necessarie al terapeuta per gestire al meglio i numerosi imprevisti che si troverà ad affrontare, preziose occasioni da cogliere e utilizzare nella relazione terapeutica.  

 

Perché

Come già evidenziato, l’opportunità di avviare un intervento domiciliare va valutata di volta in volta, poiché tante sono le variabili e gli aspetti da prender in considerazione. In questa occasione, dunque in termini generali e con finalità di orientamento dell’utenza, possiamo dire che:

- raggiungere nel proprio domicilio chi è impossibilitato ad uscire (per cause mediche) è spesso l’unica possibilità per rispondere a un bisogno di aiuto psicologico altrimenti inascoltato. Il fatto che la persona sia in una posizione di scarsa autonomia motoria non significa necessariamente che l’unico servizio possibile è di tipo assistenziale, potrebbe avere le risorse per un percorso psicologico, per esempio finalizzato alla gestione delle difficoltà e sofferenze emotive del quotidiano, all’elaborazione dei vissuti depressivi legati alla malattia, alla riorganizzazione delle relazioni familiari, etc.

-per chi si sente bloccato nel contatto con l’esterno (per problematiche di natura psichica) l’intervento domiciliare può essere un primo aggancio. In questo caso, oltre che sul sintomo che muove la richiesta, si lavorerà con l’obiettivo di rendere pensabile e attuabile - con tempi e modalità necessariamente diversi da caso a caso - un’inversione del senso di marcia: costruire nella relazione d’aiuto una “apertura” che favorisca il movimento della/e persona/e verso l’esterno,  di cui lo studio dello psicologo diventa prezioso terreno di sperimentazione e simbolo. In altre parole la terapia a domicilio è pensata come una fase di passaggio, un contesto in cui “prepararsi a”, come del resto vale per ogni terapia condotta a studio!

Contatta Psicologo Roma

Aiuto Psicologico

Per info o Appuntamenti chiama o compila il modulo, ti risponderemo al più presto

  • 06 92 94 62 45 per lasciare un messaggio con il vostro recapito in segreteria (h24) ed essere richiamati al più presto.
  • 389 94 11 777 per parlare con un professionista dal lun. al ven. (ore 10,00-14,00)

L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.